Meditazione Vipassana Esperienze

Meditazione Vipassana esperienze

In Meditazione Vipassana esperienze scopri un’angolatura utile da conoscere per noi occidentali.

Meditazione Vipassana esperienze Ecco le esperienze che puoi fare con la meditazione Vipassana:

  • Comprendere le opinioni diffuse in occidente sulla meditazione
  • Renderti individualmente consapevole, autonomo e libero
  • Scoprire quando la meditazione ti sta illudendo
  • Perché prendere la meditazione sul serio

 

Comprendere le opinioni diffuse in occidente sulla meditazione

Secondo un’opinione diffusa sulla tradizione della meditazione, l’aspetto maggiormente messo in risalto, è la sua caratteristica di essere associata alla figura di un mistico, monaco, eremita, guru, e qualche volta, erroneamente bisogna dirlo, di un esaltato;

purtroppo sono le molteplici rappresentazioni che in occidente si dà in pasto ai creduloni, a deviare le interpretazioni che diamo con la nostra mente, e comprendere questo aspetto è di fondamentale importanza, se si vuole approcciare la meditazione.

Siamo abituati ad una religione che viene insegnata o trasmessa in modi diversi in base alla realtà in cui ognuno vive, per spiegarmi meglio, un conto è imparare dai miei genitori il culto da seguire e che viene tramandato dalla comunità cui appartengono da secoli, un conto è dover imparare dottrine scritte ad arte ed imposte; ciò significa che se si nasce in una condizione di circostanze avverse, ciò che tali circostanze riveleranno è una realtà in cui la crescita spirituale viene racchiusa in un sentiero che seppur apparentemente ampio, è prefissato per confondere la vera strada che conduce alla liberazione.

Meditazione Vipassana esperienze mette in luce che questa è la situazione in Occidente.

Meditazione VipassanaRenderti individualmente consapevole, autonomo e libero.

E’ importante mettere in risalto come la meditazione permette di realizzare aspetti altrimenti radicati nel profondo remoto della nostra coscienza individuale, aprendoci le porte ad una nuova comprensione della realtà, conseguenza di un poter accedere a risorse sconosciute e per questo ritenute sovrannaturali, ma che fanno parte del patrimonio genetico dell’essere umano, sia che ne siamo consapevoli o no.

La possibilità che si ha, praticando la Meditazione, di creare nuove sinapsi per accedere facilmente ad uno stato di presenza assoluto, può e deve essere sfruttata per allenare la propria mente a raggiungere stati di chiarezza totale, scoprendo il vero STATO delle cose.

Ad ognuno di noi è evidente come la natura della cultura occidentale che viviamo ci condizioni a intraprendere percorsi di vita che sempre meno ci avvicinano alla natura e sempre più ci “allontanano” a vivere divisi in agglomerati di cemento che con i loro comfort ci coccolano e ci accompagnano in quei percorsi, aiutandoci a varcare le soglie che la nostra esperienza ci impone di attraversare per realizzare la nostra esistenza.

Tutte quelle soglie rappresentate dalle difficoltà e le insidie delle circostanze e dalle nostre paure.

Nella forma di pensiero di noi occidentali meditare è una pratica a cui dedicarsi nel tempo libero, o un momento da ricucirsi e vivere seguendo per rispetto il rituale che ci viene indicato, magari condiviso con altri, per questo nella nostra mente è giusto, se proprio devo meditare, farlo con disciplina e quindi nel momento adeguato, per cui aspettiamo quel momento pensando che debba arrivare. . . arriverà e lo farò (forse, chissà).

Meditazione Vipassana

E’ chiaro che con questa forma di pensiero siamo facilmente portati a rimandare, dato che i ritmi frenetici che dominano spesso le nostre giornate non ci stimolano certo a pensare alla meditazione:

“figuriamoci… con tutto quel che ho da fare oggi, ci mancherebbe pure che mi siedo a meditare senza far nulla”

ATTENZIONE!!!

E’ proprio questa forma mentis integrata che conduce in se all’essenza dell’insuccesso che la moltitudine che si affaccia alla meditazione ottiene, cioè il presupposto pensiero di NON voler prendere sul serio la pratica della meditazione al pari di come si farebbe per qualsiasi altra attività ritenuta ”vitale”.

Scoprire quando la meditazione ti sta illudendo

L’erronea concezione che la cultura occidentale ha della meditazione è di NON vederla come una via di Realizzazione, a causa di dogmi che nella nostra mente condizionano la reale comprensione dei benefici che possiamo ottenere.

Insomma se dobbiamo pagare una bolletta, non è che meditando il problema bolletta magicamente scompare, e difatti è giusto non meditare per sperare che il problema si risolva, non si risolverà, inutile illudersi, ma se sto lì seduto ad illudermi o a pregare che in qualche modo il problema si risolva sto perdendo tempo.

La realtà è che la Meditazione Vipassana è un metodo per liberarsi e ti libera se decidi di Realizzarti.

I numerosi tentativi apparentemente andati a vuoto di introdurla in occidente da parte di insegnanti veri e presunti, o di chi ne ha fatto una vera “esperienza diretta”, si sono scontrati contro il muro di gomma invisibile di un sistema di credenze che respinge ciò che ignora, preferendo tecniche del tipo ”schiacci il bottone ed ottieni il risultato” in cui qualcuno fa il lavoro e noi ne godiamo i benefici, che seppur danno l’illusione che funzionino, di fatto vincolano sempre ad un intervento esterno, impedendoci di accedere all’interno di noi stessi, unico vero luogo in cui potremo trovare le risposte che cerchiamo, senza doverci affidare a terapisti, sessioni di coaching o altre tecniche che semmai indeboliscono la nostra autonomia individuale e il nostro carattere proprio per la natura di dipendenza da qualcun altro che ne deriva per la sua applicazione.

Perché prendere la meditazione sul serio

Se ho a cuore la mia salute ho premura a compiere ogni azione possa preservare il mio corpo fisico, quando siamo malati decidiamo di affidarci ad una cura per guarire, tuttavia la guarigione sarà direttamente proporzionata all’impegno disciplinato che con responsabilità prenderò nel seguire le terapie;

allo stesso modo meditare richiede impegno e disciplina a seguire un metodo certo con un insegnante qualificato che abbia avuto un’esperienza diretta ed in virtù di ciò è in grado di guidarci nell’intraprendere un sentiero che può liberarci, in quanto l’esperienza di molti secoli ci insegna che la pratica della meditazione può aprirci le porte a maggiori livelli di saggezza e maturità, nonché a risultati di crescita e realizzazione personale e spirituale inimmaginabili.

Con la Meditazione Vipassana esperienze ci insegnano che il solo modo di aspettarsi risultati è decidere di prendere sul serio l’impegno di meditare per la propria Realizzazione, dopodiché cercare un insegnante che sappia realmente introdurre all’esperienza della meditazione affinché possa farti sperimentare e ottenere il massimo dei benefici. Inizia oggi stesso con la Meditazione Vipassana

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *